Come difendere una casa vacanza quando non ci siamo

La casa vacanze al mare o in montagna è, ed è stato per anni, un sogno per molti italiani. Un rifugio in qualche località in cui staccare la spina ma in cui tuttavia sentirsi come a casa. La casa vacanze richiede tanti sacrifici ed è per questa ragione che i proprietari dovrebbero tutelare al massimo le loro proprietà.

In questo articolo vedremo insieme a Gioma srl specializzata in finiture di pregio e serramenti in pvc a Udine, come difendere la nostra casa vacanza quando non vi siamo.

 Per prima cosa difendiamo le finestre poiché è proprio attraverso esse che si verificano la maggior parte delle effrazioni. Se sono vecchie e malandate corriamo subito ai ripari andando a sostituirle, poiché basta una cacciavite per scardinare le ante di una finestra malandata.

I serramenti di ultima generazione infatti sono dotati di molteplici punti di chiusura e faranno tribolare molto di più i mal intenzionati. Per chi volesse un livello di sicurezza extra, è possibile dotare le finestre di maniglia con chiave e vetri antisfondamento.

Questi ultimi oltre ad essere più resistenti alle sollecitazioni risultano anche utili quando in casa ci sono dei bambini poiché in caso di rottura non si producono schegge acuminate ma piccoli frammenti di fatto meno pericolosi.

Le finestre che si trovano al piano terra dovrebbero inoltre essere protette attraverso delle apposite inferiate.

Proteggete l’ingresso con una porta blindata, con una luce a foto cellula e con una finta telecamera. A volta una finta telecamera posizionata in un punto strategico per i ladri rappresenta già di per se un ottimo deterrente.

Chi ha la possibilità di fare un investimento maggiore potrà installare un impianto di allarme vero e proprio, magari collegato a distanza attraverso una app su smartphone che in caso di comportamenti sospetti messi in evidenza dalle telecamere di sorveglianza vi consenta di far partire una chiamata ad un ente di vigilanza.

Infine rimangono sempre validi i comportamenti guidati dal buon senso. Controllate che tutte le porte siano chiuse anche quelle secondaria, verificando che tappeti o tendaggi non ne ostruiscano la corretta chiusura.

Evitate di coprire la porta di ingresso con tende da sole o con piante e più in generale fate in mode che l’uscio sia sempre ben visibile dalla strada o dalle case vicine.

In ultima battuta evitate di nascondere chiavi di riserva sotto zerbini o dentro qualche sottovaso: è il primo posto dove i ladri andrebbero a guardare.

Milano Marittima e una vacanza alla scoperta della primavera

milano-marittima

Con l’avvicinarsi della bella primavera, la voglia di trascorrere una vacanza al mare si fa sempre più pressante per molte persone. L’odore della salsedine, il richiamo dello sciabordio delle onde e il calore del sole sono un tocca sano per chi è abituato a vivere nelle grandi città italiane.

In particolare, per chi ha dei bambini un piccolo break dal normale tram tram giornaliero può essere sicuramente un motivo di riunione familiare per rendere ancora più magiche le ore che si trascorrono con loro.

Dove dormire a Milano Marittima

Per chi non conosce la città di Milano Marittima, è difficile riuscire ad avere una idea di dove dormire. Se si sceglie un hotel nelle vicinanze del centro cittadino, si può risparmiare tempo nel tragitto da un’attrazione e l’altra ma sicuramente nelle ore serali si potrebbe rimanere scocciati dal frastuono che i tanti turisti provocano.

Per chi sceglie una soluzione più verso l’esterno del centro cittadino, potrà godersi la quiete di un albergo fuori dalla movida di questo centro dell’Emila Romagna ma impiegherà più tempo nel raggiungere le varie attrazioni.

Una soluzione a questo problema, è sicuramente quella proposta dall’ Hotel Milano Marittima centro Solemare.

Questo hotel a 3 stelle, dotato di un ristorante che propone una ricca selezione di piatti della cucina romagnola e internazionale si trova in una posizione tranquilla ma nelle vicinanze del centro di Milano Marittima. In questo modo, potrete raggiungere comodamente a piedi buona parte delle attrazioni da visitare e riposare la sera sul balcone della vostra camera godendovi la brezza marina.

Milano Marittima, cosa fare e vedere?

Per chi non ha idea di cosa fare e vedere a Milano Marittima, si troverà di fronte a una serie di ottime alternative che ben si adattano a diverse tipologie di vacanze. Le proposte a vostra disposizione sono davvero molte, in particolare per chi si vuole divertire fino a tarda notte ballando e divertendosi con i propri amici.

Le discoteche di Milano Marittima e di tutta questa zona dell’Emilia Romagna, sono note in tutta l’Italia e l’Europa. Il Pineta Luxury Hall e Villapapeete sono sicuramente due proposte dove divertirsi e bere un drink in compagnia degli amici o anche per trovare la propria anima gemella.

Non è raro infatti, che molte coppie in tutta Italia hanno iniziato a conoscersi in una di queste due celebri discoteche.

Per chi si trova in vacanza con la famiglia,  anche in questo caso non mancano le possibilità di divertirsi fin dalle prime luci del giorno. CerviAvventura è un parco avventura adatto sia ai più piccoli che agli adulti per divertirsi sospesi a diversi metri di altezza.

I vari percorsi, suddivisi per fasce di età e di altezza, vi faranno vivere momenti adrenalinici in tutta sicurezza. Aperto dall’inizio di marzo, è sicuramente una scelta ideale per chi vuole provare qualche cosa di diverso senza dover aspettare lunghe code.

Milano Marittima è una località che ben si adatta anche alle vacanze all’aria aperta, magari facendo una escursione rigenerativa in un contesto naturalistico. La pineta di Cervia e Milano Marittima riesce ad unire in un unico ambiente entrambe le cose.

Percorsi da fare a piedi o in bicicletta, per raggiungere l’aera pic-nic e un piccolo “percorso vita” dove allenarsi con dei semplice attrezzi in mezzo alla natura. Ideale per tutta la famiglia, è sicuramente una scelta diversa ma ideale per staccare dallo stress di tutti i giorni.

Come avete visto, Milano Marittima è una località ideale dove trascorrere un week end divertente sia con un gruppo di amici che con la propria famiglia. Anche nei periodi di bassa stagione, quando i prezzi degli hotel non sono alti, rappresenta una scelta ideale e da non dimenticare.

Malcesine, la perla del lago di Garda in inverno

malcesine-spiaggia

Malcesine si trova sulla sponda orientale del Lago di Garda ed è la comunità più settentrionale della provincia di Verona-Lago di Garda. Si trova a soli 54 km da Verona e, insieme a Riva del Garda e Limone sul Garda, è una delle “Perle del Lago di Garda”.

Il villaggio, costruito intorno al “Castello Scaligero” e il “Palazzo dei Capitani”, sede della biblioteca comunale, è posto ai piedi del Monte Baldo. Il centro storico ha un fascino particolare, con il suo porticciolo, le piazzette, le caffetterie e ristoranti tipici e la chiesa parrocchiale “Santo Stefano e Benigno e Caro”.

Malcesine è una delle più eleganti e meglio attrezzate destinazioni di vacanza a Lago di Garda: numerosi hotel, appartamenti, bed and breakfast e camping luoghi offrono ai loro ospiti tutti i tipi di alloggio.

Il villaggio offre una vasta gamma di attività sportive, per esempio vela, windsurf, sci d’acqua, parapendio, tennis, mini golf e mountain bike.

Uno dei più famosi club di vela ha sede a Malcesine: la “Fraglia della Vela”, contando sui suoi migliori atleti, si propone di conquistare non solo l’Europa, ma il mondo intero. Una funivia collega Malcesine al Monte Baldo (1800 m), che è anche chiamato “giardino botanico d’Europa” per le sue specie vegetali diverse.

In inverno, si tratta di un’area sciistica apprezzata, con i suoi 11 km di piste per principianti o sciatori esperti.

In estate, al contrario, diventa un punto di partenza ideale per il parapendio sopra Malcesine sul lago di Garda. Gli amanti della mountain bike preferiscono invece girare alla ricerca dell’adrenalina e delle emozionanti pratiche in discesa.

La funivia da Malcesine al Monte Baldo

Per una vista spettacolare sul lago di Garda non vi è nulla che può battere un giro sulla funivia di Malcesine-Monte Baldo, che vi porterà a 1600 m in soli dieci minuti e raggiunge un’altitudine di 1760 m nella parte superiore del Monte Baldo.

In una giornata limpida si può vedere tutto il lago, da Riva a Peschiera del Garda: un panorama mozzafiato! La funivia di Malcesine-Monte Baldo è unica al mondo per una peculiare ed emozionante caratteristica tecnica: sulla parte superiore della cabina ruota lentamente ed offre una vista a 360 gradi regalandovi l’unica e bellissima sensazione di volare.

In inverno le piste del Monte Baldo ospitano una vivace stagione sciistica dello sport e dello spettacolo, sullo sfondo del lago di Garda: un’esperienza davvero unica da vivere solo ed esclusivamente sulla funivia di Malcesine-Monte Baldo.

La funivia Malcesine-Monte Baldo è aperta per 10 mesi all’anno e ti porta da Malcesine a Tratto Spino, sul Monte Baldo a 1760 m di altitudine, in soli 15 minuti.

La funivia è abbastanza nota e attraente, perché nella seconda sezione della cabina ruota su se stessa in salita, offrendo ai passeggeri una visione a 360 gradi.

Si tratta di una prospettiva altrimenti inaccessibile: si possono vedere il lago, le colline e le montagne tutto in una volta. La funivia è composta da tre stazioni.

La stazione di terra si trova in via Navene Vecchia a Malcesine, la stazione intermedia si trova a San Michele a 580 m di altitudine, e la stazione superiore è in Tratto Spino, sul Monte Baldo a 1760 m di altitudine.

La funivia inizia alle 08:00 da Malcesine la sua corsa e poi c’è una corsa ogni 30 minuti. I numeri di corse aumentano con il numero di visitatori. Il tempo dell’ultima corsa dipende dalla discesa della stagione.

Una volta arrivati sulla cima del Monte Baldo si potrebbe fare una passeggiata, godersi la bella vista o provare uno dei tanti piatti tipici serviti nei rifugi o nei ristoranti vicino alla stazione. Non lontano dalla stazione della funivia Malcesine-Monte Baldo, c’è il sito di lancio di parapendio.

 

Visitare l’isola di Sal a Capo Verde

L’isola di Sal, fa parte dell’arcipelago nazione di Capoverde (CaboVerde in lingua locale), è stata definita con una metafora come una piccola zattera africana carica di ex-schiavi, marinai, musica e saudade.
Si trova a metà strada tra il Portogallo e il Brasile, e in passato è stata usata come scalo tra l’Europa e il Nuovo Mondo appena scoperto (l’America).

Conserva tuttora il fascino delle terre lontane e delle isole sperdute negli oceani, seppur coniugato al recente sviluppo dell’abitato di Santa Maria che l’ha resa confortevole e adatta ad un turismo di tutte le età.

Ecco in sintesi le coordinate dell’isola:
Posizione – nell’Oceano Atlantico a circa km 450 dalla costa del Senegal, alla stessa latitudine dei Caraibi tra il tropico del Cancro e l’Equatore.
Clima – tropicale secco con temperatura costante, in media 25°C (minime invernali 20-22°C, max estive 27-30°C); temperatura dell’acqua tra i 22° e i 25°; brezza marina più forte nei mesi invernali (gennaio/marzo); piovosità pressoché nulla.
Superficie – 216 Km² (quasi come l’Isola d’Elba)
Dimensioni – lunghezza max nord-sud 30 Km, larghezza max est-ovest 12 Km
Altitudine massima – 405 m
Popolazione – circa 14.000 abitanti
Lingua – parlati comunemente il portoghese ed il creolo (dialetto misto di portoghese e lingue africane); diffusi italiano, francese, inglese e spagnolo.

L’abitato di Santa Maria si estende più o meno a scacchiera allungandosi tra il mare, da un lato, e il deserto di terra dura dall’altro.

Le sue poche vie, dove si affacciano caratteristiche abitazioni a un piano dai colori pastello, sono costantemente animate dalla vivacità della vita capoverdiana.

I ristoranti, i bar e i negozi, a gestione esclusivamente familiare, sono numerosi e la popolazione locale è cordiale e disponibile al contatto con i visitatori.

Punto focale del paese è il piccolo pontile in legno, dove quotidianamente i pescatori scaricano il pesce appena preso: dato che da queste parti la natura fa le cose in grande, predominano tonni pinna gialla, marlin, barracuda, murene e… squali.

L’isola di Sal propone una serie di paesaggi suggestivi e di grande fascino.
Oltre all’abitato di Santa Maria, ecco i principali luoghi da non perdere:

La lunghissima spiaggia (8 Km) di sabbia bianca con un mare di una purezza e di un colore incredibili, che da Santa Maria arriva fino a Ponta Preta, spot da sempre frequentato dai migliori surfisti e windsurfisti del mondo, passando per Ponta do Sino, con il suo faro e il relitto di un veliero arenato.

Le vecchie saline abbandonate di Pedra de Lume, che si trovano all’interno del cratere di un antico vulcano ormai spento e dove è possibile fare il bagno, galleggiando nelle acque salate.

L’oasi di Baia da Fontona con verdi palme e acque cristalline e calmissime.

La capitale Espargos, al centro dell’isola e vicino all’aeroporto internazionale, abitata quasi esclusivamente dalla popolazione locale.

Il piccolo centro portuale di Palmeira, scalo navale per i cargo, per i traghetti che fanno la spola tra le isole e per velisti di passaggio.

La piscina naturale di Burracona, che si riempie e si svuota seguendo il ritmo delle maree e dove le onde creano giochi d’acqua spettacolari.

Il deserto rosso e pietroso a nord dell’isola, con la possibilità di provare l’effetto straniante dei miraggi.

La selvaggia Ponta Fiura, all’estremo nord, quasi irraggiungibile via terra e battuta da un mare violento.

Via  http://www.ilcomuneinforma.it/viaggi/149/chi-fa-da-secapo-verde/