Prestiti e Mutui, la guida

I Prestiti Personali sono finanziamenti destinati a tutti i lavoratori dipendenti (pubblici e privati) e pensionati. Sono tante le società finanziarie che offrono una vasta gamma di prestiti personali immediati, a fronte di garanzie minime, a condizioni estremamente vantaggiose e convenienti per ogni cliente.

I prestiti sono concessi anche in presenza di altri finanziamenti, protesti e pignoramenti in corso.

E’ sufficiente che tu richieda un preventivo, gratuito e senza impegno.

Hai anche la possibilità di eseguire l’estinzione anticipata, in qualsiasi momento. Nel costo dell’operazione bisogna considerare anche la copertura assicurativa “rischio vita” e “rischio impiego”: in caso di licenziamento o premorienza, nessuno sarà tenuto a provvedere all’estinzione del debito.

Le due modalità principali con le quali viene concesso un finanziamento sono:

  • Cessione Quinto: prestito che viene rimborsato attraverso il pagamento di rate mensili, a tasso fisso agevolato, che vengono direttamente trattenute in busta paga. La somma erogata dipende dall’entità del TFR. Le rate possono essere al massimo 120. L’importo, in ogni caso, non può essere superiore al quinto dello stipendio. La maggior parte delle banche e delle finanziarie offre tale servizio a condizioni estremamente vantaggiose e convenienti;
  • Prestito Delega: forma di finanziamento che consente di integrare, estinguere o rinnovare altri prestiti in corso. Può anche essere affiancato alla cessione del quinto. Il rimborso avviene attraverso il pagamento di rate mensili (al massimo 120) con tasso fisso agevolato, trattenute in busta paga. In ogni caso, il tasso non supera mai le soglie definite dalla Banca d’Italia, nel quadro delle norme antiusura. L’importo delle rate non può essere superiore ai 2/5 dello stipendio netto. La somma erogata dipende dall’entità del TFR.

Un mutuo, invece, è un finanziamento destinato alla costruzione, acquisto o ristrutturazione di un’unità immobiliare.

Ad oggi le banche offrono mutui fino al 80% del valore dell’immobile. Sono due i concetti da considerare quando si parla di mutuo, che caratterizzano questo finanziamento:

  • Ipoteca: garanzia richiesta per concedere il mutuo, a tutela del rischio di insolvenza del debitore. Attribuisce al creditore un diritto di prelazione sul bene: se il debitore non riuscisse a far fronte al proprio debito, il creditore potrà rivalersi con il ricavato della vendita del bene immobile oggetto del mutuo.
  • Rata: importo da pagare mensilmente, per rimborsare il mutuo. Il numero delle rate varia in base alla soluzione di finanziamento scelta ed accordata con l’istituto di credito. A differenza dei prestiti, può essere a tasso fisso o variabile, oppure da rimborsare mensilmente, bimestralmente, trimestralmente o semestralmente.

Sia per i prestiti che per i mutui, bisogna infine assicurarsi che l’istituto finanziario a cui ci si rivolge rispetta la normativa sulla trasparenza e quella sulla privacy:

  • la prima tutela il diritto del cliente ad essere chiaramente informato sulle condizioni del contratto, in modo assolutamente dettagliato;
  • la seconda tutela invece il diritto del cliente alla riservatezza dei propri dati personali. Egli deve poter essere chiaramente informato sul loro utilizzo, in modo estremamente dettagliato ed, in ogni caso, previa autorizzazione da parte del cliente stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *